mercoledì 3 agosto 2011

Gli adolescenti puzzano

E' una certezza, un dogma, qualcosa su cui puoi contare...
Sono gli ormoni dicono.
Si vabbè gli ormoni , ma il problema è che non si lavano.
Diciamo questo.
I piccoli maschi sono sempre , da quando nascono, restii al bagno. L'abluzione è qualcosa che non comprendono quasi quanto il portare le proprie mutande e calzini verso un cesto dei panni.
Man mano che crescono tenti di plasmarli e di educarli alla nobile arte del lavarsi, ma quelli, tosti, resistono.
Ad un certo punto ti illudi pure di avercela fatta , perchè almeno fino ad una certa età influisce non poco l'obbligo dettato dall' ubbidienza verso la mamma.
Quando scatta la fase "ribellione adolescenziale" è finita.
La frequenza della doccia diventa libero arbitrio dell'adolescente , che si andrà a ficcare sotto il getto solo dopo ripetute minacce e drastiche prese di posizione.
Ma è dura.
Oggi ho lasciato il tempo di un caffè l'adolescente e amichetto in macchina. Che vuoi spendere di tempo per un caffè? 5 minuti? Meno, 3/4...Torno, apro la macchina, camera a gas.
Un misto di ascelle, piedi e altri fluidi corporei non ben definiti.
"ragazzi...ma vi siete lavati? sentite che puzza...!!"
Ovvia risposta dei due : " quale puzza? noi non sentiamo niente!". Che risposta pensavo di ottenere?
Lo scambio di battute è sempre questo:
"Adolescente? ti sei cambiatole mutande?"
"Le ho cambiate ieri..."
"Ok. Ma oggi è un altro giorno. Quindi lavati e cambiati le mutande"
"Uffaaaaaaa!!! Guarda se per colpa tua faccio tardi..."
"Adolescente? dato che ci siamo...anche calzini e maglietta vanno cambiati"
"Ma sono puliti! li ho messi ieri.."
Ora, mi spiegate cosa ci può essere di tanto difficile nel concetto : cambiati ogni giorno almeno l'intimo.
Non esagero se vi dico che questa scena è di tutti i giorni.
Quindi , ormoni si, ma se l'ormone lo aiuti con la prolificazione di batteri, muffe e licheni , ovvio che poi puzzi!
Che poi quando stanno insieme e riempiono una stanza con miasmi infernali, tra di loro , mica lo sentono. Anzi , ci sguazzano e se impregnano felicemente, come quando un predatore si rotola su una carcassa.
Per il nostro adolescente sono fonte di vanto e orgoglio i tempi record di messa ripetuta dell'abbilgiamento.
Quando gli viene strappato di dosso la mise se ne va risentito e offeso nemmeno avesse litigato con il migliore amico.
Le femmine sono un pò diverse. Le femmine puzzano anch'esse , ma per loro sono veramente gli ormoni...per esperienza di anni e anni a contatto con adolescenti , posso dire che, almeno per la maggior parte, si lavano. Ma le loro tempeste ormonali sono più intense perchè durano meno rispetto ai compagni maschi, i quali vegetano nel brodo adolescenziale più a lungo. Le femmine si sbrigano perchè devono esplorare il mondo , devono conoscere , fare esperienze e devono proiettarsi verso la teen age alla svelta, in modo da far invecchiare precocemente i genitori.
Quindi si riempiono di profumi un filo persistenti,  in modo da creare un mix letale di ormone+Malizia, BonBon, Tesori d'Oriente e Compagnia delle Indie.
Il giovane maschio si comincia a lavare solo quando arriva il momento di uscire con una ragazzina.
Una mia collega dice di percepire al volo quando il figlio si lascia con la fidanzatina di turno perchè smette di lavarsi. La cosa mi preoccupa perchè questo ragazzo è ormai è grande. Quindi potrebbe non finire con il termine dell'adolescenza? A pensarci bene , a volte si protrae fino e oltre la senilità.

Oggi l'adolescente ha trovato 100 scuse per non leggere le pagine quotidiane di uno dei libri per l'estate.
Alla fine ha rinviato a domani, dicendo che ne leggerà il doppio , cosa che ovviamente non farà. Quando gli ho fatto notare che riusciva sempre a rimandare mi ha risposto : " Io sono IL procastinatore. Il mio è semplicemente uno stile di vita..."

4 commenti:

  1. Splendido post! Ah come condivido tutto in pieno, con il mio quindicenne puzzone!!!

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina